Linecheck 2021

Mercoledì 24 novembre, dalle 15:00 alle 15:30, avrò il piacere di moderare il panel Arcade Boyz: dalle “rap reaction” su YouTube al talent scouting con Arcade Boyz e Roberto Marrone / Fenix. L’evento si terrà in presenza a Base Milano e fa parte degli incontri del Linecheck 2021, all’interno della Milano Music Week. Tutte leContinua a leggere “Linecheck 2021”

Un podcast che parla di canzoni

L’idea mi girava intorno da almeno un anno e, finalmente, eccolo qui: Cassette è il mio podcast sulle canzoni. Quando i social non esistevano e lo streaming era solo un miraggio, avevi una sola scelta: farti fare una cassetta o un cd dagli spacciatori di musica. Passavano in rassegna le loro collezioni e ti procuravanoContinua a leggere “Un podcast che parla di canzoni”

Ho scritto di Mark Fisher, ancora.

Personalmente, scoprii Fisher grazie a una piacevole e costruttiva chiacchierata con Reynolds qualche anno fa, mentre ero alle prese con la fase di ricerca bibliografica per un mio libro. Realismo Capitalista (Nero, 2018) era l’unica traduzione italiana – a cura di Valerio Mattioli – di uno scritto del sociologo britannico, conosciuto anche con lo pseudonimo di k-punk. Fu una rivelazione eContinua a leggere “Ho scritto di Mark Fisher, ancora.”

Politics: musica, Trump e Brexit due anni dopo

Due anni fa usciva Politics, il mio libro sulla musica angloamericana nell’era di Trump e Brexit. L’incombente voto per le presidenziali negli Stati Uniti e la procedura di infrazione dell’Unione europea nei confronti del Regno Unito mi hanno dato modo di riprendere in mano quel volume e pensare a quanto successo in questi ultimi ventiquattroContinua a leggere “Politics: musica, Trump e Brexit due anni dopo”

Non dirlo a Wilde

o dei miei dieci anni di scrittura e altre considerazioni Circa dieci anni fa di questi tempi decidevo di inviare una mail a un piccolo blog musicale per proporre una collaborazione. Mi ero occupato saltuariamente di recensioni, ma ascoltavo tanta musica e leggevo molto. La colpa di quella mail, che ha iniziato un percorso fattoContinua a leggere “Non dirlo a Wilde”

Accuso la notte di avermi perduto

Era pomeriggio, lo ricordo bene. Una giornata di fine inverno, di quelle che la primavera sembra essere davvero dietro l’angolo. Pisa esplodeva di profumi. C’era un mercatino in una piazza colma fino all’orlo di libri. Io e Selene frequentavamo un master lì; su e giù dalla Calabria alla Toscana, ore di viaggio che pian pianoContinua a leggere “Accuso la notte di avermi perduto”

C’è sempre qualcun altro

“Non racconti una storia solo a te stesso. C’è sempre qualcun altro. Anche quando non c’è nessuno.” Credo che tra le tantissime cose piovuteci addosso in queste settimane ci dovrebbe essere posto per queste parole. Le scrive Margaret Atwood in The Handmaid’s Tale e secondo me racchiudono alcuni dei tratti che hanno costruito nel tempoContinua a leggere “C’è sempre qualcun altro”

Afrocubismo boreale

A gennaio faccio sempre le migliori scoperte di musica africana. Sarà perché è uno dei mesi più difficili da far passare; come per novembre non ci sono feste, avvenimenti particolari e rischi di passare la mattina a sbrinare il vetro dell’auto. Nonostante il freddo, questi primi dieci giorni del 2020 sono stati piuttosto miti. EContinua a leggere “Afrocubismo boreale”

Buio a Praga

Durante il pigro zapping vacanziero di questi giorni mi sono imbattuto in un monologo del filosofo Massimo Recalcati. Si parlava di Freud e, in particolare, di un aneddoto che ha per protagonista la nipotina dal padre della psicanalisi. La bambina soffriva di disturbi del sonno e per questo motivo chiedeva alla madre di rimanere conContinua a leggere “Buio a Praga”

All’inizio c’era il ritmo

Il titolo è rubato a una compilation del 2001, ma lo trovo molto attuale. Soprattutto a questo periodo; dicembre, infatti, è un mese strano. Gira una fantastica immagine di un fantomatico calendario del mese che fa schiantare dalle risate. In essa ci sono i giorni in cui “fai finta di lavorare” (più o meno laContinua a leggere “All’inizio c’era il ritmo”